L’etica del lavoro della cicala in estate

Eleggerò come topic di questo blog il concetto “la gente sotto i trent’anni che conosco fa figli e compra case, mentre io vado ai concerti”. Devo solo riassumerlo in maniera che si capisca che vado davvero ai concerti, e non ai surrogati cui assistono appunto quelli sotto i trent’anni accasati per dare una parvenza di ggiovinezza tipo “oh, tu sì che godi, vai al Wind Music Award all’Arena di Verona”. Io vado al Rock en Seine. Che, tanto per dare un’idea, fa fare i manifesti dei Black Keys a Marjane Satrapi (quella di Persepolis, mica pippe) e li appende alle fermate della metro. Così. Per ricordare alla mia generazione – con la testa ormai matura per ascoltare i Black Keys ed apprezzarli, come per leggere la Satrapi con cognizione di causa – che ha davanti 15 anni di infinite possibilità e nessuna intenzione di venderle per mettere su una mensola i dischi degli artisti che cercavano amore ma hanno avuto tutto tranne – e quando sono a fine canzone, la prima ed unica che cantano, hanno la raucedine e il fiatone (sì, io prima di parlare assisto alle performance, ed Emma Marrone è una ragazza simpatica, ma per cantare o il fisico ce l’hai o te lo fai venire con la disciplina, e nel caso mi pare siamo ben lontani da entrambe le soluzioni).

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: