Un polpo alla gola

Ho le tette più grandi questa settimana. E’ il regalo di riparazione di una brutta brutta brutta sindrome premestruale da cambio di stagione. Una roba che venerdì sera mi sono ritrovata a piangere disperata, guardando il gancio del lampadario al soffitto con in mano la prolunga del pc che provavo ad annodare, mentre mi chiedevo che senso ha la vita e tutta questa sofferenza. Per fortuna avevo preso i sali per andare ad allenamento il giorno prima e il magnesio mi ha un po’ tenuta lucida, se no sai che sorpresona per il conqui quando tornava a casa. Sicché ho queste tette almeno fino a domani per consolarmi un po’ e allargarmi l’ego di mezza taglia. Il mio fidanzato é giustamente all’estero quando potrebbe non prendermi in giro per la mia penuria abituale, quindi niente, starò qui, le guarderò un po’, mi proverò quei due o tre vestiti che mi starebbero bene se fossi sempre così, deciderò che sono più carina in maglietta e pantaloni pigiama (i suoi di lui – nessuna donna é bella come quando ha addosso la roba di un uomo che ama) e mi addormenterò alle 20.40, senza passare dal film su raiuno.

Annunci

13 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. SemplicementeBlu
    Ott 22, 2012 @ 19:52:04

    meglio così,vedessi che roba c’è su rai uno… 😀

    Rispondi

  2. samantagiambarresi
    Ott 22, 2012 @ 20:02:25

    Che fortuna… alle volte a me viene una tetta più grossa dell’altra 😦

    Rispondi

  3. Manu
    Ott 23, 2012 @ 07:06:04

    La profezia dell’armadillo.

    Rispondi

    • placcataplatino
      Ott 23, 2012 @ 18:25:41

      :’) sì
      mi è arrivato ieri in ufficio
      l’ho praticamente bevuto in pausa pranzo
      ci sono due uomini al mondo da cui mi sento veramente capita, ed entrambi hanno problemi con un’adolescenza lunga

      Rispondi

  4. Manu
    Ott 25, 2012 @ 07:17:27

    Con “adolescenza lunga” ho finalmente trovato un modo sintentico per descrivere le mie molteplici problematiche esistenziali.

    Rispondi

  5. Manu
    Ott 29, 2012 @ 12:43:19

    MACCOME???? MACCOME???? Ah, Placcataplatino, come puoi non capire i retroscena sociali e culturali che hanno portato alla nascita di questo nuovo termine che caratterizza così trsversalmente la nostra generazione?? Come?? Conosco persone che già se lo sono tatuate sul cuore. Di fianco a Bamboccioni.

    Rispondi

  6. Manu
    Ott 30, 2012 @ 08:12:18

    Non puoi capire la gioia di sapere che non sono sola, nel mondo. Io e i blog di medicina.

    http://www.zerocalcare.it/2012/02/06/ipocondria/

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: