From Moldova (respectufully)

Ho fatto alcuni pensierini per il nuovo anno in questi giorni. Avrei voluto scriverli tutti sul blog, didattica e compita, e magari ironizzarci sopra, trovare il tempo per sdrammatizzare le piccole paure dell’ignoto futuro, confrontarlo col passato. Ma i pensierini si sono un po’ persi nel marasma delle festività. Un funerale, una nascita per la Vigilia, una zia operata che ha voluto me mentre smaltiva l’anestesia (un consiglio a chiunque della mia età debba fare assistenza in ospedale in post-operatorio: non illudetevi di andare a cena con quei vestiti dopo), il lavoro che mi ha finalmente dato un po’ di tregua e si é lasciato concludere quasi completamente tra un giorno festivo e l’altro, le riunioni di squadra, di amiche, i saluti a tutti – che tutti non saluterai veramente mai –  la tesi e le biblioteche sigillate fino a gennaio. E i piatti da lavare. Soprattutto i piatti da lavare. Quindi farò un unico pensierino per l’anno nuovo: procurarmi un telefono che non sia il nokia 3310 che ho in questo momento in modo tale da registrare i miei pensierini quando li penso e buona lì. Placcataplatino entra nella tecnologia per esasperazione, scarsa memoria e buoni propositi.

Annunci

6 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. dammicinqueminuti
    Dic 30, 2012 @ 17:12:49

    Ahm, non ho capito il titolo. Che c’entra Moldova?

    Rispondi

    • placcataplatino
      Gen 02, 2013 @ 16:27:33

      I titoli che dò ai post, di solito, non c’entrano nulla con quello che poi scrivo. Ma se hai bisogno di una risposta, era moldavo Sergje, il ragazzo che mi ha consegnato i pezzi di una cappelliera per una Grande Punto immatricolata nel 2006 di cui placcataplatino ha causato la disintegrazione, perché prima di allenamento é sotto adrenalina e piuttosto violenta nei movimenti.

      Rispondi

      • dammicinqueminuti
        Gen 02, 2013 @ 17:36:52

        ahhh ok, che cosa strana. Spero di non esser sembrata scontrosa, volevo solo capire, come sempre. 🙂

  2. placcataplatino
    Gen 04, 2013 @ 13:47:12

    I love curiosity – it kills ignorant people (not cats)

    Rispondi

  3. Manu
    Gen 07, 2013 @ 11:17:27

    Non farlo. Credimi. Non farlo. Che il touchscreen è l’inferno.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: