Facilities for dumbs

(riveduta e corretta) Ieri pomeriggio ho postato mentre ero in un momento di pausa durante una “Giornata difficile”. Sono stata in giro tutto il giorno, e il primo telegiornale per me è stato il Tgcom alle 22.00 passate. A quell’ora tutti sapevano del naufragio a Lampedusa, ma io non ancora; poi, cercando notizie su quello che era successo mi sono imbattuta nei racconti dei pescatori. Così, in virtù della retorica ma anche delle proporzioni, ho capito che la mia “Giornata difficile” non era stata proprio un cazzo. Ho pensato a come starei se uscissi una mattina di casa e mi trovassi a raccogliere per strada la gente sul mio tragitto, qualcuno vivo, qualcuno cadavere. Mi sono chiesta cosa farei se vedessi i poliziotti chiamare in sala radio ed aspettare ordini, mentre qualcuno è lì davanti che ingoia acqua salmastra e kerosene. Non mi sono data una risposta. In ogni caso, mi sono molto vergognata.

Quando mi vergogno di qualcosa, o mi sento colpevole, io di solito mi incazzo. Con me stessa. Perché ho un’età ormai in cui sono responsabile di ciò che compro, di chi voto, e della gente che frequento. Al mondo però ci sono anche persone per cui la colpa di qualcosa non è mai propria. Tutti noi conosciamo almeno una o due persone vittime dell’altrui incompetenza: di solito votano a Destra, leggono poco, parlano molto, e abusano tutte della frase “Ma lo Stato dov’è?!”.

Lo Stato sei te. Lo Stato sei te che sei molto ignorante, voti male, leggi poco, parli troppo e vuoi avere ragione ugualmente. Così, quando muore della gente sul tuo zerbino di casa, la cosa ti provoca emozioni, comprensibilmente umane tanto quanto le mie. Ma siccome sei abituato a pensare che la colpa sia altrove – e sei troppo ignorante per sapere veramente dove – finisce che la colpa è di chi è morto o di chi ha cercato di cambiare le leggi per evitare queste mattanze.

Alla mia vergogna per la morte di tanta gente permessa dalle leggi del mio Paese, si aggiunge quindi quella di dividere la mia cittadinanza anche con persone molto ignoranti. Ed in questa giornata di lutto, con chiunque possa esserne interessato, io me ne scuso.

Annunci

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Manu
    Ott 17, 2013 @ 16:04:29

    Sei saggia.
    E io ti amo forte.

    Commento qui, ma vale un po’ per tutti i post. Che li leggo, eh?! Sempre.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: